MayersBid.com, un sito scadente venduto a peso d’oro

screen_721_img.jpg

L’articolo odierno verte su un aspetto che è lontano rispetto alle consuete tematiche che trattiamo con il nostro portale e riguarda un ambiguo annuncio di vendita che ha come oggetto un fantomatico sito di aste al centesimo, completamente sconosciuto nel mercato italiano: mayersbid.com. Prima di iniziare la molesta esamina, ci teniamo a puntualizzare che l’obiettivo finale di questa nostra osservazione è di informare i potenziali clienti circa le reali ed oggettive condizioni nelle quali versa il sito web analizzato.

Nella nostra consueta navigazione in rete alla ricerca di notizie ed accadimenti degni di nota, ci siamo imbattuti in un singolare annuncio, pubblicato nel portale specialistico di compravendite di siti web, venderesito.it. Questo il titolo, con il quale l’incauto bottegaio cerca di carpire l’attenzione degli sprovveduti acquirenti: [VENDO] SITO ASTE AL CENTESIMO, 171.000 visite al mese, oltre 10.500 euro di guadagni, VENDO PREZZO 12.000 EURO.

Come se non bastasse un’intestazione così stentorea, il fantasioso autore ha pensato bene di incrementare le probabilità di ottenere qualche risultato concreto, inserendo una serie di informazioni non assolutamente corrispondenti ai dati oggettivi associati ad un sito web come mayersbid.com. Partiamo con la prima proposizione: Il sito ha ottenuto oltre 171.000 visite in un mese. 

Tradotto in visitatori giornalieri, mayersbid avrebbe circa 5700 utenti che accedono ogni giorno nelle sue pagine. Peccato che non è del medesimo avviso Alexa, il cui rank corrisponde a quei siti web dotati di impercettibile flusso di traffico.

Poco dopo, un’altra frase sospetta attrae la nostra attenzione: Il sito ha oltre 4000 backlinks in tutto il mondo.

Dove abbiano trovato questo incoraggiante valore non ci è dato di sapere, ad ogni modo dalle verifiche eseguite otteniamo ben altri risultati. Tramite l’autorevole DigBackLink.com, considerato uno degli strumenti più rinomati nel settore, il sito in oggetto possiede un solo backlink:

La curiosità ci spinge a conoscere qualche dettaglio in più circa quel solitario backlink, ottenendo un ulteriore dato altrettanto sconfortante: l’unico link che punta verso mayersbid corrisponde alla pagina dell’annuncio di vendita!

La descrizione prosegue indicando discutibili ed inattendibili volumi di affari (Guadagno di oltre 10.500€ al mese – totalizzati tra settembre e inizio ottobre), ottenuti in maniera del tutto misteriosa vista l’assoluta assenza di utenza. Non vogliamo spendere ulteriori riflessioni circa i fasulli introiti propugnati dal dissennato autore, lasciando trarre le immediate considerazioni all’accorto lettore.

Ciò che ci preme evidenziare è l’equivoco passaggio in cui viene esplicitamente dichiarata la presenza di un sistema per la gestione delle puntate robot (sistema robotico di puntata), in altro modo chiamato plugin autorobot.

Quindi, in termini diversi, viene offerto un sito di aste al centesimo già pronto per truffare gli ingenui utenti, utilizzando il temutissimo strumento che genera puntate finte (BOT).

Passiamo all’analisi del whois del dominio www.mayersbid.com, per scoprire l’eventuale intestatario, nella speranza che non sia oscurato mediante i servizi preposti. Avvalendoci di Domaintools, abbiamo ottenuto il seguente screenshot:

Da quanto emerge, sembrerebbe che dietro ci sia un’azienda con sede legale in India, la Sonik Technologies, il cui sito è raggiungibile cliccando questo collegamento. Intuitivamente, riteniamo queste informazioni non corrispondenti a quelle reali del venditore, che in tutta probabilità è una persona fisica (o giuridica) italiana, che ha acquistato il prodotto insieme alla registrazione del dominio, da questa società specializzata nella realizzazione di software e script in regime outsourcing. (ndr – queste sono nostre ipotesi soggettive)

Alla luce di ogni elemento fino ad ora analizzato, ha senso analizzare da un punto di vista tecnico il sito stesso? A nostro avviso riteniamo un inutile spreco di tempo procedere con l’analisi minuziosa di mayersbid.com, anche perchè abbiamo riscontrato numerosi errori tecnici durante la navigazione fra le sue pagine:

Cosa aggiungere di più? Meglio interrompere qui, viste le numerose anomalie ed irregolarità riscontrate, nella speranza che i potenziali acquirenti interessati potranno disporre di importanti informazioni prima di azzardarsi al malaccorto acquisto.

One thought on “MayersBid.com, un sito scadente venduto a peso d’oro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Navigando su questo sito si accetta l'uso di cookies. dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close