La disfatta di AlPrezzo.com: il cambio di script!

screen_192_img.jpg

Dalla nostra consueta analisi in rete del mercato delle aste al centesimo, questa mattina abbiamo fatto la sconcertante scoperta che il novello sito AlPrezzo non solo è offline, ma l’intera piattaforma è stata rimossa dal server che la ospitava. Questo lo screenshot del sito alle ore 09:30.

Come volevasi dimostrare, non abbiamo dovuto attendere molto tempo prima che le nostre valutazioni meticolosamente sviluppate in un precedente articolo, abbiano trovato riscontro con la realtà.

Dalla pagina Facebook di questo pseudo sito di aste al centesimo, i primi sentori di anomalie (almeno quelle pubblicamente dichiarate) hanno avuto inizio il 15 giugno, con un post dai toni quanto meno inquietanti: Al momento il sito e offline stanno lavorando i tecnici per capire cosa sta succedendo …vi scrivo qui che e’ l’unico posto agibile per il momento. L’ Admin.

Non  è affatto rassicurante venire a conoscenza che i tecnici che stanno dietro ad un sito di aste al centesimo non siano in grado di sapere cosa stia accadendo nello script che regge tutto il sistema. Se fosse un semplice blog informativo possiamo accettarlo, ma in una realtà come questa dove si ha a che fare con dati personali e portafoglio dei clienti, non è accettabile una situazione del genere.

Ad ogni modo, domenica scorsa era stato pubblicato l’ultimo post sempre sulla pagina Facebook che annunciava la chiusura temporanea del servizio per lo svolgimento dei doverosi interventi per risolvere i continui e oramai insostenibili problemi.

Alle 10:30, la canonica pagina di Apache ha lasciato il posto ad un primo messaggio da parte di AlPrezzo, che per lo meno avvertivano che stavano eseguendo dei lavori, con uno stentoreo avviso: stiamo lavorando per voi By alprezzo.com. 

Alle 11.00 tutto si è fatto più chiaro. Alprezzo.com ha eliminato lo script precedente per passare al blasonato phpPennyAuction, recensito scrupolosamente da noi e già utilizzato da un numero non trascurabile di siti della concorrenza.

Che dire di più? I fatti parlano da soli, è sufficiente dare uno sguardo al drammatico scenario del nostro mercato per renderci conto del perché nei forum i clienti delle aste al centesimo non esitano a scrivere post dove sfogano la rabbia per puntate non riconosciute, bug improvvisi, chiusure immotivate di aste e così via dicendo.

Probabilmente AlPrezzo.com ritiene di aver fatto un salto di qualità con il passaggio a questa nuova piattaforma, cosa che effettivamente è avvenuta in comparazione al lacrimevole contesto precedente, tuttavia non deve ignorare che rimane pur sempre con uno script commerciale, limitato e soggetto a potenziali bug. Ne sa qualcosa in merito AstaFelice.com, che è stato costretto a sospendere un’asta di recente, per problemi di carattere tecnico. Anche AstaFelice.com è cliente di phpPennyAuction.

8 thoughts on “La disfatta di AlPrezzo.com: il cambio di script!”

  1. Alprezzo.com ha detto:

    Grazie ragazzi,
    Se avessimo dato un occhiata a questo blog avremmo risparmiato un sacco di soldi .
    Volevamo risparmiare qualche migliaia di euro sullo script per cominciare con premi appetitosi …in fondo si sa che i clienti li porta chi sfoggia un iphone preso a 30 euro.
    Ma non conoscendo ile varie piattaforme ci sembrava buona come bassa qualita prezzo.

    Speriamo di ripartire col piede giusto.

  2. ICloudCenter ha detto:

    Ciao,
    Questo sito è stato realizzato da ragazzi phppennyauction. Tutte le cose scritte qui è menzogna. Non abbiamo mai avuto alprezzo.com tra i nostri clienti. Di fronte abbiamo avuto clienti che hanno messo nello script spazzatura phppennyauction e comprato il nostro script. Il nostro script non ha nessun bug – chiunque è il benvenuto per verificarlo.

  3. astealcentesimo ha detto:

    Spett.le ICloudCenter,
    le nostre recensioni sono il risultato di attente analisi sulle diverse realtà di aste al centesimo che operano sia nel mercato italiano che in quello internazionale.

    I nostri lettori sono pienamente consapevoli circa la nostra posizione per gli script commerciali, che per forza di cose presentano maggiore vulnerabilità rispetto a quelli artigianali (realizzati ad hoc). Questo è risaputo ed uno dei motivi che stanno alla base di questa asserzione riguarda la distribuzione dello stesso script in rete, che spesso viene ottenuto nulled e quindi disponibile per essere modificato e analizzato da cracker e malintenzionati vari.

    É sufficiente leggere più articoli per arrivare alla conclusione che non lavoriamo per conto di alcuna azienda sviluppatrice di piattaforme del settore, pertanto la sua idea che promuoviamo phpPennyAuction è pienamente errata (dal nostro punto di vista anche quello script presenta lacune e vulnerabilità).

    Non vi siete mai chiesti il motivo per cui chi utilizza il vostro script dopo pochi mesi di attività decide di passare a soluzioni differenti? Ne è un chiaro esempio AlPrezzo.com, che invitiamo nel segnalarci i problemi che ha riscontrato nell'utilizzo della piattaforma in questione. In aggiunta, esortiamo altre realtà nel riportare eventuali bugs, vulnerabilità, anomalie emerse nell'utilizzo del vostro script.

  4. alprezzo.com ha detto:

    Ciao ,
    Lacune abbastanza …

    1)Tasto Punta piccolo (non del tutto cliccabile)
    2) Dentro l'asta pulsante offerta fa il ricarico della pagina provocando la perdita di 2 o 3 secondi .
    3)Autobid va a caso anche impostando di standard 10 secondi punta quando vuole lui facendo perdere puntate agli utenti.
    3)TImeserver impostato a -7 nessuna impostazione trovata nel file config.
    quindi ogni asta dovevi farti il conto +7 + le ore dell'asta.
    4)L'autobid non partiva almenoche' non c'era una puntata manuale prima
    5) se un asta viene vinta e vuoi riproporla c'e' il tasto clone
    che pero' ha un bug praticamente rimane gia' pagata.
    6)La maggior parte degli utenti non riceveva la newsletter
    il Cronjob

    Per qualsiasi informazione che chiedavamo alla chat sul sito (Alex)
    Ci veniva data sempre la stessa risposta
    "Se volete possiamo installare il programma per voi"
    se guardate la full costa circa 400$. che praticamente contiene l'installazione.

    Aggiungo anche un l'attacco Dos dell'altra sera che non c'entra nulla ma e' stata la ciliegina sulla torta.
    Spero che questo serva a rendere migliore lo script

    A disposizione per chiarimenti

  5. astealcentesimo ha detto:

    Ciao,
    grazie per la tua preziosa collaborazione.

    Credo non ci sia nulla da aggiungere alla tua significativa esperienza personale con questo prodotto.

    Buon lavoro,
    Marcello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Navigando su questo sito si accetta l'uso di cookies. dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close