CipClick ci saluta

cipclick-vi-saluta1.png

Il 2014 non poteva iniziare in maniera peggiore per i siti di Aste al Centesimo: oltre agli innumerevoli problemi tecnici che attanagliano BeeJumping ed all’annuncio di non riaprire di AstaOro anche CipClick.com ha deciso di uscire di scena. Il countdown è iniziato e le ultime aste partiranno il giorno di San Valentino, il 14 Febbraio 2014, per poi andare ad esaurirsi nei giorni a seguire.

L’annuncio è stato dato solo sul sito ufficiale, mentre la Pagina Facebook appare ancora abbandonata dal luglio 2013.

chiude cipclick

Il sito di aste sociali è stato fondato nel 2010 e da allora ha sempre mantenuto un basso profilo fatto di alti e bassi, lunghe pause estive ed aggiornamenti che non hanno apportato significativi coinvolgimenti nel pubblico. Il sito ha sofferto per moltissimo tempo di una carenza cronica di traffico e l’indice di Alexa è sempre stato oltre i 15 milioni fino ad uscire dalla classifica l’ottobre scorso. Il progetto, tutto italiano, ha inoltre avuto da sempre uno strano modo di impostare le proprie campagne di marketing, puntando molto su promozioni e poco sulla diffusione del sito. La grafica non è mai cambiata in questi anni e l’impressione che il sito ha da sempre trasmesso è di una nave in balia della corrente senza un rotta ben definita. Gli stessi titolari sono raramente intervenuti sul sito Astealcentesimo.net benché fosse l’unico a parlare di loro. Sarebbe interessante conoscere le ragioni che hanno portato a questa decisione.

Consigliamo a tutti coloro i quali abbiano ancora delle puntate di consumarle in tempo utile nella speranza che la conclusione di questa avventura sia migliore del suo svolgimento, che si è dimostrato essere, come l’annuncio stesso della chiusura, costantemente sottotono.

3 thoughts on “CipClick ci saluta”

  1. Franca ha detto:

    Parlo da utente di cipclick e devo dire che non condivido il vostro commento sul sito. Per prima cosa, da quanto mi consta, è stato l’unico sito ad avvertire gli utenti della chiusura, con la possibilità per gli stessi, di non rimetterci le puntate acquistate. Onore al merito. E’ vero che ha investito poco nel marketing e la grafica è rimasta quella degli inizi, ma con i tempi che corrono, meglio rimanere sottotono, che battere la grancassa a destra e a manca, salvo poi recuperare le somme investite a danno degli utenti con l’uso di bot……. Sono sempre stati attentissimi alle combines e non mi risulta che si siano formati gruppi, come accade da altre parti, per sbaragliare gli utenti in buona fede ed accaparrarsi gli oggetti migliori. L’onestà, in questo settore non paga mai. Auguro ai gestori di rimanere fedeli a se stessi, come hanno fatto in questi anni, se e quando decideranno di investire in altra attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Navigando su questo sito si accetta l'uso di cookies. dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close