Autoalcentesimo avanza silenziosamente nel mercato italiano

screen_202_img.jpg

Più volte abbiamo sottolineato il fatto che il settore delle aste al centesimo risulta in costante crescita. Solo nel mercato italiano, notevolmente ridotto rispetto a quello anglofono, si registrano settimanalmente l’entrata in scena di nuovi siti, alcuni dei quali gestiti da aziende serie ed organizzate.

Aprire una realtà di aste al centesimo che sia remunerativa richiede senza ombra di dubbio un notevole sforzo nei capitali, a causa dei molteplici elementi da prendere in considerazione: piattaforma fatta ad hoc, acquisto dei prodotti, marketing e pubblicità, risorse umane specializzate e così via. In passato abbiamo esaminato minuziosamente quelli che sono gli aspetti da affrontare per avviare responsabilmente il proprio progetto di penny auction.

Il palinsesto dei prodotti nei vari siti di aste al centesimo è pressochè identico, con i diffusissimi articoli della Apple e dei più rinomati brand presenti sul mercato. Se le nostre analisi dovessero convergere unicamente sulll’aspetto dei prodotti, tralasciando per assurdo tutti gli altri elementi (supporto tecnico, popolarità, serietà azienda, tempi di consegna, difficoltà di vincita, facilità di navigazione, etc…) finiremmo per tracciare un panorama monotono costituito da centinaia di realtà simili che fondamentalmente offrono il medesimo modello di acquisto online.

Le stesse considerazioni non possono essere valide per autoalcentesimo.com, un sito molto particolare orientato esclusivamente al mondo delle automobili. Anche se è nato da poco e adotta uno script commerciale, autoalcentesimo.com pare che stia migliorando la sua posizione in termini di traffico italiano. piazzandosi tra i primi 75.000 siti più visitati in Italia, secondo i dati autorevoli forniti da Alexa.com.

In Autoalcentesimo è possibile aggiudicarsi buoni benzina, navigatori satellitari, pneumatici, schede viacard, cerchi in lega, buoni per pagare il bollo ACI o l’assicurazione, scooter ed addirittura automobili (ne sono state messe in palio quattro contemporaneamente).

Fino ad ora non abbiamo avuto modo di rilevare impressioni e commenti da parte degli utenti che hanno partecipato e vinto in questo particolare sito di aste al centesimo, tuttavia l’incremento di visitatori ci lascia supporre che ci sia stato un certo impatto positivo.

Staremo vedere nei mesi successivi se l’orientamento merceologico audacemente adottato da questa azienda possa rivelarsi proficuo nel settore delle aste al centesimo.

5 thoughts on “Autoalcentesimo avanza silenziosamente nel mercato italiano”

  1. mary ha detto:

    interessante!ho visto che hanno vincite documentate su youtube!

  2. Erika ha detto:

    Parlate male dei buoni e male dei cattivi il sito e’ offline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Navigando su questo sito si accetta l'uso di cookies. dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close